Relentless pursuit

(in fondo in italiano – italian below)

 

In the last few months, writing has been difficult. It’s not that I wasn’t inspired to sit down and give my thoughts a well-defined form, it was more like a restless feeling of not being able to live up to the task.

It has been a year, and it’s not even over yet. From any point of view, wanting it or not, we have been forced to adjust to a reality in constant change. As far as I’m concerned, it’s not only because of the pandemic, though it had a huge impact in my life.

I was an high school teacher, before Covid. The last four months of high school, I didn’t feel like I was actually teaching. For me, teaching is a matter of relationship and a force that ultimately produces equality: providing everyone the tools and knowledge so they can be actively part of the society they live in. Losing connection with reality, watching the kids through a screen, not being sure whether they’d be listening or not; having to deal with several uncomfortable situations and problems (like grades) took me away from the original purpose of my job. And, this is my fault, I haven’t been able to find a strategy to deal with it. I also miss the connection with real physics and the scientific environment, something I thought I could still find in school, but apparently I was wrong.

 

 

I don’t have a job right now. Maybe I could call myself as a professional athlete, but I’m not sure it is the appropriate definition.

I have always tried to be professional (although I don’t like the word “professional” associated to an activity that doesn’t make for a living) in the way I approach training and racing. I know what it takes and what I’m supposed to do to be successful. Balancing running and having a real job hasn’t been easy nor completely satisfying in the last couple of years. I felt like I was sacrificing both: not achieving my full potential in running, not being focused enough on my job.

I have been without a job for the past four months and as a result I’ve had more time to devote to training and living in a similar way as a pro athlete. I can notice the difference between this “ideal” situation and what it used to be. I actually can’t compare how tired I was one year ago, when I was in full training for World Mountain Running Championships in Patagonia (2019), and now. Of course I am tired and fatigue creeps in at the end of the day. But I’m not doing everything in a rush, cutting down on rest, stretching, foam rolling, physical therapy, housekeeping, fixing dinner and any activity that is part of my daily life. I can recover between one workout and another. Although I am not sleeping in the afternoon like when I’m on a training camp (because I have other things to do, including looking for another job which is actually…a job itself), I am mentally and physically prepared to tackle the next session. I can travel wherever and whenever I want, without constraints. I wouldn’t have been able to run Sierre-Zinal 2020 elite edition, or set the FKT on Transpelmo Golden Segment to qualify for GTS final if I had a full time job. I wouldn’t be able to travel to Azores or do the training I was supposed to do.

 

 

Last year, all I was looking forward to at this time of the year was my season being over. I was so tired that off-season looked more attractive than the big goal I was training for. Traveling to Argentina was also a non negligible problem and, although the school board supported me and understood the importance of what I was going to do, I had to make up for the hours of absence I wasn’t entitled.

I am 28 and I’m in the swing of things. If I don’t fulfill my potential in running right now or in the next four or five years, this possibility will be lost forever. There are thousands of things I want to accomplish and experience before I’m too old.

There must be something wrong with our sport if it doesn’t allow me to be a pro athlete at the level I practice it. And that’s what I want to change.

On the other hand, maybe I’m just a dreamer. Maybe I just need to face reality and give up my goals. But maybe…not. I am not ready for it. Not this time.

 

 

I am working on several projects that I hope will lead me somewhere.

I am studying, reading, gathering information and knowledge. I am looking around and trying to foresee future directions and developments of our world.

I want to start a professional running team in trail, mountain and road running to give a chance to people who deserve it, doing something concrete for them. There are no instructions, no recipe for it but there must be a way and I want to be the spark to kindle this project.

I am committing to #OutdoorFriendly pledge by Kilian Jornet Foundation, an organization whose aim is to preserve mountains and their environment, promoting a more sustainable practice of outdoor sports.

I am working with other people and stakeholders to reshape the way our sport looks like, giving voice and power to what should represent its core: athletes.

I am writing training programs for vert.run, sharing my experience and knowledge of 20 years in running.

Is this a job? I don’t know, it doesn’t really have a name. It doesn’t make for a living either. But it’s still worth striving for.

 

 

In the past 10 or 20 years, we have seen federations, brands, teams and companies trying to make business thanks to us, athletes. I often deal with people who work thanks to my activity as an athlete, while I can’t rely on it as a stable source of income. Our sport has taken different directions that are not always straightforward to understand and beneficial for us. In other sports, like triathlon and cycling, professional athletes are associated to defend their interests, rights and have a voice in the decisions that federations, race organizers and sponsors take. We can take one side or another, but in the end we are the human material without which nothing would be possible.

We can have a real weight on the decisions that build the structure of the sport if we can somehow stand for it together, working towards a shared goal and its full development.

 

I know, this is just a bunch of thoughts without a form. I felt like writing and I did. But, after all, this is what this space is all about.

This is my relentless pursuit.

If we can take it, we can make it.

 

 

Negli ultimi mesi non è stato facile aggiornare il blog. Non che non fossi ispirato a farlo o a dare una forma ben definita ai miei pensieri, era più un’inquietudine di non essere all’altezza del compito.

Sotto tanti punti di vista il 2020, che per giunta non è ancora finito, è stato un anno particolare. Siamo stati costretti ad adattarci a una realtà in costante cambiamento, che lo volessimo o meno, e per quanto mi riguarda non è solo a causa della pandemia in corso, sebbene abbia avuto un enorme impatto sulla mia vita.

Prima del Covid facevo l’insegnante di matematica e fisica al liceo scientifico. Ma durante gli ultimi quattro mesi dello scorso anno scolastico, i mesi di lockdown e didattica a distanza, non credo di avere veramente insegnato. Penso che insegnare sia una questione relazionale, che si realizza e si completa nel rapporto tra insegnante e studente. Insegnare è fare in modo che ciascuno possa acquisire gli strumenti e le conoscenze che gli consentano di sentirsi parte attiva della società in cui vive. Perdere la connessione con la realtà, vedere i ragazzi e interagire con loro attraverso uno schermo, senza essere sicuro di ciò che potessero sentire o meglio, capire, affrontare una serie di situazioni scomode e problemi (come quello delle valutazioni) mi ha portato ad allontanarmi dal significato originario del mio lavoro. E questa è probabilmente mia responsabilità: non sono stato in grado di trovare una strategia efficace per far fronte al cambiamento in atto. Mi è mancata, allo stesso tempo, una connessione con la fisica e il mondo scientifico da cui provengo, i cui valori mi sono apparsi sempre meno centrali e condivisi nella società in cui viviamo. Qualcosa che pensavo di trovare all’interno dell’ambiente della scuola, ma evidentemente mi sbagliavo.

In questo momento non ho un lavoro. Potrei definirmi un atleta professionista, anche se non sono certo che questa sia la definizione più adeguata. Ho sempre cercato di essere professionale (sebbene non ami particolarmente questo termine associato ad una attività che non mi dà da vivere) nel modo in cui mi alleno e gareggio. Conosco ciò che serve e che devo fare per correre bene. Tenere insieme le due cose, correre e avere un lavoro normale, non è stato semplice né del tutto soddisfacente negli ultimi due anni. Mi sentivo come se stessi sacrificando entrambi, senza concentrarmi a sufficienza sul lavoro, senza avere il tempo e le energie necessarie per correre. In ultima analisi, stavo sacrificando me stesso e la persona che amo.

Negli ultimi quattro mesi che ho trascorso senza lavorare ho avuto senz’altro più tempo per allenarmi e vivere in maniera simile a un atleta professionista. Posso dire che la differenza è enorme rispetto a prima. Non posso confrontare la stanchezza di un anno fa, quando ero in piena preparazione dei Mondiali di corsa in montagna in Patagonia (novembre 2019) e quella attuale. Certo, non che non mi senta stanco o che non avverta la fatica a fine giornata. Ma non sto certo facendo ogni cosa di corsa, tagliando preziosi minuti al riposo, allo stretching, alla fisioterapia, ai lavori in casa, al preparare la cena e a tutte le attività che fanno parte della mia vita quotidiana. Posso recuperare tra un allenamento e l’altro. Sebbene non abbia l’abitudine di fare un sonnellino pomeridiano come quando sono in raduno (banalmente perché ho altro da fare, come cercare un lavoro, cosa che occupa gran parte del mio tempo), sono mentalmente e fisicamente pronto ad affrontare la sessione successiva.

Posso viaggiare dove e quando voglio, senza grandi limitazioni e vincoli. Non sarei stato in grado di correre la Sierre-Zinal 2020 elite edition, o correre il segmento della Transpelmo per qualificarmi alla finale delle Golden Trail Series alle Azzorre se avessi avuto un lavoro a tempo pieno. Non avrei la possibilità di andare alle Azzorre e avrei dovuto ridimensionare fortemente l’allenamento in preparazione di questa gara. L’anno scorso, in questo periodo dell’anno, non vedevo l’ora di finire la stagione. Ero così stanco che l’idea di un break dalla corsa era quasi più attraente dell’obiettivo che stavo preparando, i mondiali di corsa in montagna. Anche il fatto di andare in Argentina è stato un problema non trascurabile: sebbene la scuola mi supportasse e capisse l’importanza di ciò che andavo a fare, non ho avuto la possibilità di prendere un permesso per ragioni sportive e ho dovuto restituire una parte delle ore di assenza che non avevo accumulato in ferie.

 

Ho 28 anni e sono all’apice di quella che dovrebbe essere la mia carriera sportiva. L’occasione per esprimere il mio potenziale e correre forte è da qui ai prossimi cinque o sei anni, e ci sono migliaia di esperienze e di cose che vorrei fare prima che diventi troppo vecchio e che alcune possibilità vengano perse per sempre.

Ci dev’essere qualcosa di sbagliato nel nostro sport se non mi permette di essere un atleta professionista al livello a cui lo pratico. E questa è una cosa che mi piacerebbe cambiare.

Ripensandoci, forse sono solo un sognatore. Forse devo solo guardare in faccia alla realtà e rimboccarmi le maniche, rinunciando a una parte dei miei obiettivi. Ma forse…forse no. Forse non sono ancora pronto per questo. O non questa volta.

 

Sto lavorando a diversi progetti che spero mi portino da qualche parte.

Sto studiando, leggendo, raccogliendo informazioni. Mi guardo attorno in cerca di opportunità e possibili sviluppi in questo ambiente.

Vorrei fondare un gruppo sportivo che dia agli atleti la possibilità di svolgere la loro attività a livello professionistico in montagna, nel trail e su strada. Vorrei dare loro una possibilità concreta sulla base dei meriti e di ciò che ognuno può portare al movimento. Non ci sono istruzioni o strade semplici da seguire ma sono convinto che esista una via: vorrei essere la scintilla per far partire questo progetto.

Mi sto impegnando attivamente nel programma #OutdoorFriendly della Kilian Jornet Foundation, un’organizzazione con lo scopo di preservare le montagne e il loro ecosistema, promuovendo una pratica sostenibile di tutti gli sport outdoor.

Mi sto confrontando con diverse persone e attori all’interno dell’universo del running per cambiare la struttura del nostro sport, dando voce e potere a chi che dovrebbe essere sempre posto al centro delle scelte e degli interessi: gli atleti.

Sto scrivendo programmi di allenamento per vert.run, condividendo la mia esperienza e le mie conoscenze di oltre vent’anni nella corsa.

E’ un lavoro? Non lo so, se lo è non conosco il nome. Non mi dà da vivere. Ma voglio continuare a impegnarmi per questo.

Negli ultimi 10 o 20 anni, le federazioni, i brand, le squadre e le organizzazioni hanno vissuto sulle spalle degli atleti. Sono nate una serie di nuove figure, più o meno formate e competenti, che orbitano attorno al mondo della corsa. Mi trovo spesso ad interfacciarmi con persone che lavorano anche grazie alla mia attività di atleta, ma io stesso non posso trarne un lavoro nel senso di una fonte di reddito. In altri sport, come il ciclismo o il triathlon, gli atleti professionisti si sono associati per difendere i propri interessi e diritti e avere un peso nelle decisioni prese dalle federazioni e dagli sponsor. Possiamo decidere se stare da una parte o dall’altra, ma alla fine siamo il materiale umano senza cui nulla di tutto questo sarebbe possibile.

Possiamo avere un peso reale sulle decisioni che definiscono la struttura del nostro sport se ci uniamo e lavoriamo per il suo sviluppo, condividendone gli obiettivi comuni.

 

Lo so, tutto questo è solo un mucchio di pensieri senza forma. Ho sentito la necessità di scrivere e l’ho fatto. Dopo tutto, credo sia questo il significato del mio blog.

Questa è la mia ricerca instancabile.

Se vogliamo, possiamo.

 

 

 

 

Photos: Camilla Pizzini, Gloria Giudici, Trailaddicted, Francesco Puppi

1 Comment

Join the discussion and tell us your opinion.

Claudio Marzoratireply
21/10/2020 at 22:27

La parte più bella di tutto questo è la parte dove vorresti cambiare lo sport che ti ha fatto crescere, provare a renderlo migliore e mettendo al centro di tutto gli atleti e non la cosiddetta politica dei grandi personaggi. Tuttavia questa è anche la parte più difficile e questo periodo ci sta insegnando che spesso ci sono cose più grandi di noi che sono ingovernabili.
Il progetto della Kilian Jornet Foundation è un bellissimo esempio di cosa tutti dovremmo fare per preservare non solo le nostre montagne, ma in generale la nostra terra, che a me sembra che ultimamente si stia ribellando a noi.
Io stesso, in piacevole compagnia, in questo periodo di forte riflessione ho dato “sfogo” alle mie passioni e abbiamo liberato la fantasia nei posti in mezzo alla natura, nelle montagne e non solo nel tentativo di far riscoprire i tanti e bellissimi posti di cui siamo pieni nel nostro Bel Paese. Un po’ come quelli che vedi quotidianamente tu quando ti diverti nei tuoi trail in giro per il mondo.
Rivalutare quanto di bello abbiamo e farlo scoprire era ed è un mio grande sogno e ora ha anche un nome: MM Travellers Heartbeats, online su https://www.mmtravellersheartbeats.com/.
Come dici tu, se vogliamo, possiamo.
Fatti un giro anche tu e dimmi che ne pensi, abbiamo riportato tante delle nostre passioni nel nostro Manifesto, e in fondo sono sicuro che persone come te apprezzeranno.

Ti seguo sempre Fenomeno!

Leave a reply